Strumenti personali
Tu sei qui: Home Rete Interadriatica Beni Borgo di Lucugnano (Tricase)
Azioni sul documento

Borgo di Lucugnano (Tricase)

Secondo alcuni storici il toponimo di Lucugnano deriverebbe dal latino Lucus Jani, cioè bosco sacro alla divinità Giano. Alle spalle del castello baronale degli Alfarano-Capece, edificato nel XVI secolo con ventidue stanze si trova una torre d’epoca sveva. La residenza, disposta su due piani, offre una chiara proiezione del periodo rinascimentale in cui è sorto. Su un lato della stessa piazza in cui si affaccia il castello, si trova l’ottocentesco palazzo baronale di Girolamo Comi (1890-1968), poeta esponente della corrente dell’Ermetismo. La parrocchiale di Lucugnano, dedicata a Maria SS. Assunta in Cielo, vanta una costruzione antichissima, di cui però non si conosce la data. Gli altari, in alcuni casi precedenti al primo rifacimento del XVII secolo, sono decorati da tele che abbracciano gli stili dal rinascimento al neoclassico, fino all’ultima realizzata nel 1849 per volere di Basilio Errico che commissionò anche l’altare maggiore ed il campanile alle spalle di quello attuale. Il centro storico di Lucugnano è caratterizzato per la presenza di un’alta concentrazione di edifici sacri quali la Cappella della Madonna Addolorata, aperta ufficialmente al culto nel 1764, la cappella della Madonna delle Grazie del 1711, la chiesa di San Giuseppe, costruita nel 1783, la cappella di Santa Croce, databile al XVI secolo, la cappella di San Rocco, ricostruita sul sito della precedente nel 1969. In paese ci sono anche tre ex chiese, la cappella di Sant’Anna, censita nel 1711, la cappella extraurbana di Santa Cesarea del XVII secolo e la cappella di San Francesco Saverio de 1719, oggi utilizzata come deposito.

Caratteristica di Lucugnano è la lavorazione della creta, di cui il territorio è ricco, ma elemento di distinzione è la figura di Papa Galeazzo, arciprete del paese vissuto nel XVII secolo, che con il suo modo di vivere piuttosto pittoresco, con la sua arguzia ha dato vita a numerose storielle e racconti con lui stesso protagonista.

 


 

Sviluppato con Plone, il sistema open source di gestione dei contenuti

Questo sito è conforme ai seguenti standard: