Personal tools
You are here: Home Pagina di descrizione città Pollutri
Document Actions

Pollutri

La storia

Pollutri sorge su un’altura tra i fiumi Sinello e Osento. Le sue origini, secondo alcune leggende che si tramandano, sono legate alla discesa dei Longobardi in Italia. Il nome della città deriverebbe da un tempio dedicato a Polluce.
Nel medioevo il territorio pollutrese fu governato da un emissario reale che risiedeva a Vasto.
 
Dal 1279 anno in cui re Carlo, disceso in Italia conquistò tutto il Meridione, Pollutri entrò a far parte del Regno di Napoli, da cui politicamente dipenderà fino al 1860, quando Garibaldi cacciò i Borboni. Già da molto tempo a Pollutri esisteva un’Università, composta dai maggiorenni della popolazione, che nonostante tutto non la rendeva un vero e proprio comune, non avendo ancora proprie legislazioni e, conseguentemente, non godendo di vera indipendenza, dipendendo sempre, direttamente o indirettamente dal Re di Napoli, il quale aveva affidato il governo della zona a nobili famiglie.
L'orto di Pollutri

La città

Il borgo medievale ancora parzialmente abbracciato da antiche mura, visibili in case, mura e porte d’accesso, merita di essere scoperto tramite una piacevole passeggiata. Il caratteristico centro storico conserva nel suo interno chiese e preziosi palazzi gentilizi. 
Le strette vie si snodano facendoci conoscere i monumenti, notevole è la parrocchiale dedicata a Sant’Antonio, come la Chiesa del SS. Salvatore, la Chiesa della Madonna, la chiesa di San Rocco e i palazzi “del Re” e “D’Agostino.
 

Eventi, tradizioni e cultura

Gli abitanti di Pollutri festeggiano il patrono San Nicola di Bari due volte l’anno, la prima domenica del mese di maggio e il 6 dicembre. Il culto di San Nicola di Bari è molto diffuso sia in Puglia che in Abruzzo e, in queste due regioni, ci sono molte case, che rappresentano le antiche sedi delle corporazioni e delle confraternite dedite al Santo. Nel corso della festa di Maggio è tradizione lanciare dei taralli dai balconi di una delle case nobiliari del paese in ricordo della munificenza del Santo che è sempre stato pronto a soccorrere i suoi fedeli nei periodi di carestia.
 
La festa di questo Santo protettore dei pastori si conclude a dicembre, sul sagrato della Chiesa Parrocchiale, con la tradizionale cottura delle fave che vengono consumate per devozione. Ogni anno si tiene, nel mese di maggio il Pellegrinaggio Pollutri - Madonna dei Miracoli per ricordare l’apparizione della Madonna ad un cittadino Pollutrese, Alessandro Muzio. Dopo il 15 Agosto grande festa al Bosco di Don Venanzio.
Piazza principale di Pollutri

Powered by Plone, the Open Source Content Management System

This site conforms to the following standards: