Personal tools
You are here: Home Titoli La Cavallerizza della Serenissima in Puglia / Giuseppe Notarnicola - Venezia : Bellini, 1933 - 173 p. : ill. ; 24 cm.
Document Actions

La Cavallerizza della Serenissima in Puglia / Giuseppe Notarnicola - Venezia : Bellini, 1933 - 173 p. : ill. ; 24 cm.


Logo Caripuglia

Forse prima di descrivere questo libro, bisogna dare qualche informazione sulla Cavallerizza: si legge sul sito del comune di Monopoli, dove appunto è ubicata, "questo complesso masseriale, costruito su ordine di Alfonso d'Aragona, dal 1495 al 1530, fu un importante centro di riferimento per l'allevamento equino della Serenissima Repubblica di Venezia: dall'incrocio di cavalli locali e arabi nacque il noto morello pugliese, una razza che ben si adattava in battaglia. Le pratiche di addestramento si effettuavano nel sottostante Canale di Pilo, dove su particolari piste si potenziavano le sue abilità. A ricordo di questa presenza, sul prospetto della masseria - che presenta due entrate: una padronale e un'altra legata ad attività pastorizie - è stato incastonato un bassorilievo che raffigura il leone di San Marco realizzato da Cosimo Giannini nel 1946. Inoltre, in quest'area ricca di alberi si ricavava legno per le industrie navali della Serenissima e salnitrio per la composizione di polveri da sparo." Il libro è dunque lo studio sull'incrocio in un luogo simbolico, di due popolazioni, una dominante e l'altra dominata, e sui loro rapporti non soltanto reciproci, ma anche con terzi, gli scorridori francesi e spagnoli: da quella base militare, la Cavallerizza appunto, tentavano di respingerli i veneziani. Lo studio fornisce infine una preziosa messe di informazioni documentarie su luoghi e testimoni di varie spedizioni militari.



Monografia





Bellini

1933

XX

173 p. : ill. ; 24 cm.



Venezia Venice, viaggi militari (military travels), Terra di Bari

Italy

Italiano




Adriatico occidentale

Catalogo studi

Powered by Plone, the Open Source Content Management System

This site conforms to the following standards: