Strumenti personali
Tu sei qui: Home Notizie Turistiche Ai Cantieri Teatrali Koreja di Lecce "DOK. F.", liberamente tratto da Frankenstein di Mary Shelley.
Azioni sul documento

Ai Cantieri Teatrali Koreja di Lecce "DOK. F.", liberamente tratto da Frankenstein di Mary Shelley.


Cantieri Teatrali Koreja, giovedì 19 e venerdì 20 febbraio alle ore 20.45 appuntamento con l'anteprima nazionale di una nuova produzione della compagnia Koreja.

Dopo Dimissioni dal Sud, Quel diavolo d'un Bertuccia e il Calapranzi, Fabrizio Pugliese e Fabrizio Saccomanno confermano il loro sodalizio artistico in DOK. F., liberamente tratto da Frankenstein di Mary Shelley.

Come un mostro tentacolare, dai recessi stessi delle paure più profonde ed inconsce, il mito di Frankenstein attraversa il tempo invadendo i campi più disparati: dalla letteratura si sposta prima, naturalmente, nel campo scientifico, a segnare sindromi di alienazione uomo-macchina, più recentemente nel campo dei mass-media, della moda, della moderna economia, quando si produce ricchezza che non esiste, quando si creano personaggi che stanno in piedi solo davanti ad una telecamera, ed oggi a due secoli dalla sua nascita quel mito della creazione "oltre natura" abbandona il campo scientifico, visto che la scienza stessa ha superato di slancio quella geniale visione romantica, per trasformarla in realtà. Allora cosa resta del mito di Frankenstein? Per noi una "semplice" contrapposizione tra una umanità follemente lanciata al superamento dei propri stessi limiti, ed una umanità semplice, forse infantile, ma che disperatamente cerca di ritrovare una propria urgenza di esistere in azioni primarie: mangiare, dormire, magari uscire qualche volta...per andare a ballare!
Dallo scontro a volte cruento tra queste due esigenze nasce lo spunto per questo spettacolo che trae tutta la sua ispirazione dall'intramontabile capolavoro di M. Shelley.


regia Fabrizio Pugliese
con Fabrizio Pugliese e Fabrizio Saccomanno
collaborazione artistica Salvatore Tramacere
luci e fonica Mario Daniele, Angelo Piccinni



Sviluppato con Plone, il sistema open source di gestione dei contenuti

Questo sito è conforme ai seguenti standard: