Personal tools
You are here: Home Fortezza di Novo Brdo
Document Actions

Fortezza di Novo Brdo

Nella regione montagnosa a sudest di Pristina, le rovine della città medievale di Novo Brdo occupano una collina a 1100 metri sopra il livello del mare. Benché vi fossero indicazioni archeologiche che l’area fosse stata abitata nell’antichità, le rovine visibili  sono esclusivamente medievali. Novo Brdo fu una delle più importanti città del tardo medioevo nei Balcani centrali. La sua crescita e prosperità erano dovute alle vicine miniere, ricche di piombo, argento ed oro la cui attività ebbe inizio nella prima decade del XIV sec. Minatori ed abitanti di Novo Brdo costituivano una popolazione  multi – etnica che includeva Serbi, Sassoni, Albanesi, Greci ed  Ebrei. I cittadini della Repubblica di Ragusa costituivano una etnia privilegiata nel commercio dei metalli. Le fonti storiche, così come  il  conio delle monete  testimoniano la fama della città tra il  XIV ed il  XV sec. Secondo Bertrandon de la Broquière , negli anni  1440, il despota serbo, Djurad Branković, introitava un profitto annuale di 200.000 dukat (monete d’oro) dalla produzione delle miniere. Particolarmente prezioso fu l’argento che conteneva fino al  33% d’oro, argentum glama. L’attività mineraria  continuò anche dopo la conquista ottomana nel 1455. Dopo le guerre austro-turche nel XVII sec, la città  iniziò a perdere gradualmente  l’importanza di un tempo e di seguito  cessarono del tutto  anche  le attività minerarie. Nella città di Novo Brdo che oggi è ridotta ad uno stato di abbandono, è visibile solo la Fortezza Gumnište. Novo Brdo nel suo periodo di splendore consisteva in un grande insediamento non fortificato sul pendio orientale della collina, in una parte alta fortificata, e in una cittadella fortificata con sei torri massicce in cima alla collina. Gli scavi archeologici hanno riportato alla luce  i resti di una cattedrale, “Sta Paraskevi” ed  una chiesa monumentale sassone .


 

Powered by Plone, the Open Source Content Management System

This site conforms to the following standards: