Personal tools
You are here: Home Fortezza di Stalac (Krusevac)
Document Actions

Fortezza di Stalac (Krusevac)

Secondo i documenti storici,  il principe Lazar  costruì  la  città di Stalac  sulle fondamenta di un antico insediamento. Nel complesso ci fu, inoltre, una chiesa  di cui oggi rimane soltanto la campana, costruita a Milano nel 1384. Situato su una collina nei pressi del fiume Morava, il castello, detto anche la Torre di Todor di Stalac (Kula Todora od Stalaca), nella poesia popolare risulta anche come il Castello del condottiero Prijezda. La città fu costruita sul punto dove si uniscono i due rami del fiume, formando così un fiume maggiore, Velika Morava. Secondo i viaggiatori  del XV secolo, la città di Stalac enumerava un centinaio di barche in quell’epoca, il che testimonia la presenza di una flotta florida e attiva commercialmente. Per la sua posizione dominante della vallata ebbe la funzione difensiva della Krusevac medievale, quindici chilometri più distante. Nel 1413, fu devastata dall’esercito ottomano. La leggenda narra che  il comandante del castello lottò contro i Turchi “con il coraggio degli antichi eroi” e alla fine  si gettò nel fiume  con sua moglie Jelica, per non cadere  nelle mani turche.  Oggi  rappresenta uno dei maggiori complessi fortificati  medievali della Serbia, in rovina. Nelle strette vicinanze della Fortezza si trova una modesta chiesa medievale, con degli affreschi del XV sec. Ai piedi della città in rovina sorge una delle tante “fonti sacre” d’acqua, vicino alla quale fu costruita nel 1999 una cappella dedicata alla Santa Trinità.


 

Powered by Plone, the Open Source Content Management System

This site conforms to the following standards: