Personal tools
You are here: Home Pagina di descrizione città Muo
Document Actions

Muo

La storia

Muo è un piccolo villaggio di pescatori, nelle strette vicinanze della città di Cattaro, sviluppatosi  nel IX secolo. Il suo nome proviene  dalla parola “molo” (muo o mul, in lingua montenegrina). Già dai  primi insediamenti abitativi, ai piedi del monte Vrmac, la popolazione di questa località si occupava esclusivamente della pesca ed ha conservato fino ad oggi una lingua autoctona, ricca di termini legati alla cultura marinara.
Ancora oggi  vi si possono vedere antichi tipi di imbarcazioni come il  leut o la gajeta. I documenti storici testimoniano l’edificazione della prima chiesa parrocchiale, consacrata  nel 1262, nel centro del paese, a 200 metri d’altezza dalla costa.  La chiesa fu  dedicata ai santi Kuzma e Damjan. Nel terremoto del 1979 fu gravemente danneggiata ed ancora oggi aspetta di essere riparata. 

 

La città  
A differenza degli altri paesi lungo la costa delle Bocche di Cattaro, dove gli abitanti erano dediti al commercio, Muo ha da sempre avuto una vocazione esclusivamente ittica. La  situazione economica comunque non impedì alla gente di questo posto di costruire nel 1864 la nuova chiesa parrocchiale dedicata alla Vergine Maria Ausiliatrice dei Cristiani.

All’altare di questa chiesa riposano i resti del Beato "Gracije", nativo di Muo, che in vita non era che un umile pescatore. Questo edificio  cattolico  fu costruito con pregiati marmi di Curzola in stile romanico-bizantino, inoltre, per il suo aspetto architettonico rappresenta un punto d’incontro tra Est ed Ovest. La  chiesa è  un punto di riferimento  per il paese  e per i suoi abitanti che in seguito edificarono un lungomare antistante la chiesa ed il maestoso palazzo della scuola, un tempo sede  del comune e  dell’aula  dove si esibiva il famoso coro maschile  “Zvonimir”.

Eventi, tradizione e cultura


Nei mesi estivi sul lungomare di Muo  si festeggia la "notte"  dei pescatori con  pesce grigliato e vino prodotto in loco unito al folklore locale dei mandolini, chitarre e  canzoni a "cappella" o “klapa” secondo tradizione mediterranea. Da questo paese proviene la miglior ricetta per il pesce in umido di tutte le Bocche di Cattaro.

 


Powered by Plone, the Open Source Content Management System

This site conforms to the following standards: